Trip Planner:   Europe  /  Italy  /  Piedmont  /  Province of Asti  /  Asti  /  Museo del Risorgimento

Museo del Risorgimento, Asti

4.1
#5 of 18 in Museums in Province of Asti
Specialty Museum · Hidden Gem · Museum
Museo del Risorgimento is located in Asti. Make Museo del Risorgimento part of your personalized Asti itinerary using our Asti trip builder site.
Create an itinerary including Museo del Risorgimento

Museo del Risorgimento reviews

Rate this attraction
TripAdvisor traveler rating
TripAdvisor traveler rating 4.0
60 reviews
Google
4.6
TripAdvisor
  • An interesting museum although it would be better if you knew Italian. The staff were very kind and showed us into some rooms with first and second world war displays which were not open to the...  more »
  • Beautiful museum. I highly recommend everyone visit. It's filled with history from the reunification of Italy and is incredibly educational.  more »
Google
  • L'embrione della collezione risorgimentale astigiana nacque nel 1898 in occasione delle celebrazioni per il cinquantenario di promulgazione dello Statuto Albertino per volontà del conte Leonetto Ottolenghi. Al Conte di famiglia ebraica, e il cui nome completo era Abramo Leone, si devono numerose iniziative filantropiche e culturali (come il Teatro Alfieri), la donazione di numerosi palazzi e l'abbellimento di spazi pubblici. Leonetto Ottolenghi diede incarico ad alcuni dei migliori pittori dell'epoca di dipingere quadri raffiguranti eventi e personalità risorgimentali finanziando di tasca propria l'intera iniziativa. Ne nacque una esposizione, il "Salone del Risorgimento", che venne allestita presso l'Alla in piazza Alfieri, un edificio abbattuto negli anni sessanta per realizzare al suo posto il palazzo della provincia. Al termine dell'esposizione, nel 1901, i reperti vennero trasferiti a palazzo Alfieri, per l'occasione acquisito da Leonetto Ottolenghi con l'obiettivo di destinarlo a museo civico per poi cederlo gratuitamente alla città di Asti. Nel 1937, dopo la fondazione a palazzo Alfieri del Centro Studi Alfieriani, il museo, per ragioni di spazio, venne trasferito a palazzo Mazzetti, dove rimase fino al 1984. In quell'anno il palazzo venne chiuso per ristrutturazione e le esposizioni furono smontate e archiviate. In occasione delle celebrazioni per il 150° Anniversario dell'Unità d'Italia, il 23 marzo 2012, il museo è stato riaperto a palazzo Ottolenghi, ristrutturato per l'occasione. La collezione del museo comprende dipinti, bandiere, stendardi militari, armi, divise militari, monete, medaglie ed altri tipi di reperti. Sono presenti ovali che rappresentano personaggi storici e quadri che raffigurano le battaglie più importanti dell'epopea risorgimentale. Questi dipinti appartengono al primo nucleo voluto da Leonetto Ottolenghi nel 1898. I personaggi raffigurati sono stati eseguiti dal pittore astigiano Paolo Arri (1868-1939) e rappresentano politici, economisti, patrioti, filosofi, poeti, letterati, tra i quali Camillo Benso Conte di Cavour, Angelo Brofferio e Giuseppe Garibaldi, e i componenti di Casa Savoia. Le battaglie risorgimentali sono state invece immortalate dai pittori Luigi Morgari (1857-1935), Raffaele Pontremoli (1832-1905) e Felice Cerruti Bauduc (1818 - 1896). È inoltre presente una collezione di stendardi e bandiere delle corporazioni di Asti e dei reduci Garibaldini astigiani. All'interno del Museo sono visibili anche reperti storici relativi alla I e alla II Guerra Mondiale e il rifugio antiaereo realizzato nel 1943, quando Palazzo Ottolenghi ospitava la prefettura di Asti.
  • Museo molto interessante. Gli orari corretti di apertura sono dal lunedì al Venerdì chiuso Aperto il sabato e la domenica dalle ore 15 alle ore 18. Aperto il 7 maggio festa del Santo patrono San Secondo.

Plan your trip to Asti

  • Get a personalized trip
    A complete day by day itinerary
    based on your preferences
  • Customize it
    Refine your trip. We'll find the
    best routes and schedules
  • Book it
    Choose from the best hotels
    and activities. Up to 50% off
  • Manage it
    Everything in one place.
    Everyone on the same page.